News ed eventi

Progetto proposto da European Dyslexia Association (EDA), su iniziativa di AID

Disturbi della lettura e accesso ai documenti, un possibile approccio

Disturbi della lettura e accesso ai documenti, un possibile approccio

Il primo febbraio scorso una delegazione della European Dyslexia Association (EDA) che includeva, per AID, il neuropsichiatra infantile Cristiano Termine, si è recata presso la sede del Parlamento europeo, a Bruxelles, per incontrare l’eurodeputato Daniele Viotti, relatore generale al bilancio dell’Unione europea per l’anno 2019.

All’interno del bilancio approvato dal Parlamento lo scorso dicembre, l’on. Viotti ha presentato il progetto pilota “Disturbi della lettura e accesso ai documenti, un possibile approccio” che persegue lo scopo di sviluppare una soluzione a livello europeo per consentire l’accesso ai documenti ufficiali per le persone con disturbi di lettura.

L’obiettivo di tale progetto è dunque quello di rendere le istituzioni democratiche il più aperte e trasparenti possibile per ogni cittadino, al fine di garantire l’accesso ai diritti anche alle persone con difficoltà di apprendimento.

Tale iniziativa si è resa possibile grazie ad un costante confronto tra il relatore al bilancio dell’Unione europea ed alcuni membri della European Dyslexia Association.

In particolare per impulso Italiano tramite Cristiano Termine e Elio Benvenuti, socio torinese dell’AID, è stato possibile evidenziare le principali esigenze delle persone con DSA e, attraverso una stretta collaborazione con l’eurodeputato Viotti, inserire il progetto pilota nel bilancio per l’anno 2019.

La finalità del progetto, al quale verrebbe destinata una cifra di 500.000 euro in fase iniziale, troverebbe realizzazione attraverso quattro passaggi fondamentali, così articolati:

  1. valutazione delle attuali tecnologie disponibili, dai caratteri tipografici, al supporto del software IT;
  2. valutazione di quali documenti / siti web / pubblicazioni dovrebbero essere messe a disposizione con la massima priorità e quindi definire una tabella di marcia per creare un ambiente "reading disorder friendly" per le istituzioni europee;
  3. conversione di documenti ufficiali, almeno i più recenti, con un formato e/o un carattere tipografico appropriati;
  4. conversione dell'archivio UE completo di atti, pubblicazioni, contenuti online e testi nel formato precedentemente definito.

A seconda della tecnologia implementata dal servizio, il costo del progetto potrebbe variare, ma in generale vi sarebbe comunque una grande quantità di prodotti e strumenti distribuiti sotto licenze GNU/open source.

Nel caso in cui fosse possibile, inoltre, si potrebbe addirittura personalizzare la tecnologia al fine di rispondere meglio alle necessità delle istituzioni e si potrebbe altresì avviare una procedura di appalto pubblico paneuropeo al fine di individuare le aziende in grado di costruire la tecnologia da zero.

A seguito di una completa definizione e consolidazione di tale pratica, questa potrebbe essere condivisa con le autorità nazionali e locali, al fine di rendere disponibile una quota ancora più ampia di documenti e atti ufficiali.

L’incontro tra l’eurodeputato Viotti e il board dell’EDA dello scorso febbraio ha permesso di definire la strategia che il relatore al bilancio e l’associazione europea dovranno adottare nella collaborazione con la Commissione Europea affinché quest’ultima rispetti effettivamente le linee guida indicate dal progetto pilota.

I prossimi mesi saranno dunque decisivi per il raggiungimento di una soluzione inclusiva ed efficace.

Condividi
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, continua con la lettura. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. AUTORIZZO.