News ed eventi

Composta da Aurora, bambina con DSA di Roma, che si è aggiudicata il primo primo in un concorso di poesia dialettale

"Er cervello co le ali": una poesia per abbattere i pregiudizi

"Er cervello co le ali": una poesia per abbattere i pregiudizi

"Er mio nome è dislessia, ma non sò una malattia". Comincia così la poesia di Aurora,10 anni, scritta tra i banchi della quinta elementare della scuola "Giacomo Leopardi" di Roma.

É un componimento tutto in romanesco, che la bambina ha presentato al 25° concorso di poesia dialettale organizzato dall'istituto comprensivo "Parco della Vittoria", rivolto a tutti gli alunni di quinta elementare e delle scuole medie romane e della provincia.

"Er cervello co' le ali", attraverso cui Arianna ha voluto raccontare la sua dislessia, si è aggiudicata il primo premio assoluto di questa edizione del concorso. 

E' stata Aurora stessa a ritirare il premio con un sorriso smagliante, a pochi giorni dal "Natale di Roma", il 21 aprile scorso, durante di una cerimonia in Campidoglio. Ecco il testo:

"Er mio nome è dislessia
ma non so' una malattia
si tu vedi un regazzino
che nun legge er riassuntino
che se conta poi se sbaglia
che se parla un po' tartaglia
non je devi ride in faccia
non je devi di' che è scemo
lui sta a fa' na faticaccia
tutti noi l'aiuteremo
Lui fa tanti sacrifici 
e ha bisogno dell'amici
Mo' ve svelo un gran segreto
So' ragazzi un po' speciali
cor cervello co' le ali".

Una poesia semplice ma con un messaggio forte, capace di abbattere i pregiudizi sulla dislessia, di spiegare che i disturbi specifici dell'apprendimento non sono, appunto, una malattia ma una neuro-diversità, e che il sostegno della scuola e degli amici sono fondamentali per affrontare e superare le difficoltà.

La poesia di Aurora è diventata virale in pochi giorni su facebook grazie a mamma Giorgia, socia della sezione AID di Roma, che ha voluto rendere pubblico questo bel traguardo. "Aurora - come ha spiegato al quotidiano La Repubblica - voleva condividere questo successo con chi combatte tutti i giorni per i nostri diritti. Spera che la leggano soprattutto i bambini che prendono i giro i compagni dislessici".

Il post della poesia sulla pagina facebook della sezione di Roma ha raggiunto oltre 4.400 like e 12.500 condivisioni.

Tutta l'Associazione Italiana Dislessia si unisce alla sezione AID di Roma nel fare i complimenti ad Aurora e un grande in bocca al lupo per il futuro, nella speranza che la sua poesia possa aprire il cuore e la mente di tante persone, contribuendo a diffondere sempre più consapevolezza sui DSA non solo fra gli adulti, ma anche fra i ragazzi.

Condividi
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, continua con la lettura. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. AUTORIZZO.